Comune di Patti, 14 giorni di quarantena per chi arriva in territorio comunale dalla zona rossa e da intere regioni

Il Comune di Patti si prepara al pericolo di infezione da coronavirus portata dagli studenti fuori-sede e dai lavoratori residenti nelle zone rosse in quarantena, dalle loro intere regioni, di ritorno nella cittadina di origine. Ma intanto il virus è arrivato anche a Palermo, e mentre scriviamo, abbiamo notizia che sono stati censiti casi anche in Trentino-Alto Adige e nelle Marche.

Il sindaco Giuseppe Mauro Aquino ha emesso una ordinanza - la n. 23/2020 - che obbliga coloro che provengano (o che siano transitati negli ultimi 14 giorni) dai famigerati 10 comuni lombardi del lodigiano e dal comune veneto di Vo' a rimanere in isolamento presso il proprio domicilio per almeno 14 giorni e a darne notizia al proprio medico di famiglia, o ad un medico di base o al dipartimento di prevenzione dell'Azienda Sanitara Provinciale.

Ma oltre ai comuni posti in quarantena dal Governo, il sindaco invita con la stessa ordinanza i cittadini provenienti dalle intere regioni Lombardia, Veneto, Piemonte, Liguria, Emilia Romagna, e anche Lazio ad osservare un periodo di isolamento volontario di almeno 14 giorni ed a comunicare al medico di famiglia, o al dipartimento prevenzione ASP la loro presenza in territorio comunale pattese, al fine di poter attivare protocolli appropriati di propria competenza.

Nella stessa ordinanza si obbligano le strutture ricettive a comunicare al comando di polizia locale la presenza di tali soggetti.

 

 

25/02/2020 - Pubblicato da Telepatti.it
Area administrator  -  ActiveNet. Copyright © 2009-2020 Kadath Informatica  - Tutti i diritti riservati