Palermo, aggressione a coppia gay: il Comune si costituirą parte civile nel processo

Il Comune di Palermo si costituerà parte civile, appena proceduralmente possibile, nel procedimento a carico dei responsabili che in via Maqueda hanno aggredito una coppia gay. Lo ha reso noto il sindaco Leoluca Orlando insieme all'intera Giunta comunale. 'Il nostro - ha detto il primo cittadino - è un atto dovuto perchè insieme a tutta Palermo non ci riconosciamo con questi incivili che nulla hanno a che vedere con il cambiamento culturale di una città che promuove i diritti della persona e dell'uguaglianza'.

Intanto una giornata di testimonianze, interventi e flash mob per portare in piazza tutta la rabbia è stata organizzata per sabato 5 giugno davanti al Teatro Massimo dal Coordinamento Palermo Pride e Arcigay Palermo dove prenderà vita una manifestazione corale e trasversale che vede associazioni, circoli, movimenti e collettivi riuniti insieme per prendere la parola e lo spazio pubblico contro gli attacchi e le violenze all'indomani dell'aggressione ai danni della coppia di turisti. “Un dovere morale partecipare” secondo il sindaco Leoluca Orlando che intende pungolare la politica affinché approvi rapidamente il ddl Zan.

E' ancora il sindaco a dichiarare che “Ritrovarsi in piazza, ancora una volta al fianco del Coordinamento Palermo Pride e di Arcigay, è un dovere civile e morale. Oggi più che mai. Per ribadire che ogni forma di violenza è intollerabile e per esprimere piena solidarietà alla coppia omosessuale brutalmente aggredita. Palermo è città dei diritti e dell'uguaglianza che promuove ogni giorno i valori di un cambiamento culturale che non potrà mai essere ostacolato da vili episodi criminali. Ritengo, inoltre, fondamentale manifestare insieme a tutta la cittadinanza per pungolare la politica affinché si approvi prima possibile il ddl Zan. L'aggressione di sabato scorso ci ricorda questa necessità, non più rinviabile”.

31/05/2021 - Pubblicato da Telepatti.it
Area administrator  -  ActiveNet. Copyright © 2009-2021 Kadath Informatica  - Tutti i diritti riservati