Siracusa: Centomila Artisti per il Cambiamento

100 Thousand Poets For Change - World Poetry&Arts Event
CENTOMILA ARTISTI PER IL CAMBIAMENTO – SIRACUSA 2020

 

Finalmente ci siamo, mancano pochissimi giorni al grande evento di Siracusa.

Un evento mondiale in cui si incontrano artisti provenienti da tutta Italia e non solo, artisti che abbracciano vari campi della cultura, dalla poesia alla pittura fino alla musica e al teatro. Due giorni intensi di grande arte nella città di Ierone e Dionigi, ma soprattutto di Eschilo, Pindaro, Senofonte, Platone e Archimede.

Ella Ciulla, poetessa e critico d’arte ha saputo, negli anni, accogliere sotto un unico tetto, quello dell’arte e della bellezza, molti artisti che insieme e con entusiasmo stanno percorrendo un cammino di cambiamento dedicato alla ricerca del bello.

Giunge alla sua terza edizione l’evento internazionale «Centomila Artisti per il Cambiamento» che, oltre alla promozione della cultura della Bellezza in tutte le sue espressioni, conferma il ruolo della città di Siracusa come capitale culturale internazionale. Le finalità del movimento artistico/letterario 100TPC - ovvero la pace e la sostenibilità che riguardano in modo interconnesso l'ambito ambientale, quello economico e quello sociale - sono le medesime in tutto il mondo, sebbene gli organizzatori locali abbiano libera facoltà di individuare di volta in volta le modalità e gli ambiti all’interno dei quali orientare la propria voce. Per l’anno in corso il collettivo artistico, coordinato dalla poetessa Ella Ciulla, presenta il suo folto gruppo di artisti provenienti da tutte le regioni d’Italia, in rappresentanza di Poesia, Pittura, Fotografia, Musica, Canto, Danza e Recitazione. Con il patrocinio di alcune prestigiose realtà culturali e imprenditoriali locali, le quali hanno spontaneamente offerto agli artisti il loro personale omaggio, a conferma della loro piena adesione a tutte quelle iniziative che - con gravoso impegno e in mancanza di mezzi - operano contro ogni forma di discriminazione umana e sociale, e contro gli stereotipi di una società tecnologica sempre più svuotata di valori. La comunità artistica italiana, infatti, autofinanzia la propria ricca e fattiva progettualità, sempre allo scopo di facilitare gli interscambi culturali e diffondere un “sano” gusto estetico, soprattutto tra i giovani. Ciascuno degli artisti, membri della comunità italiana, è anche promotore di numerosi interventi culturali all’interno del proprio specifico territorio di appartenenza, e spontanee fioriscono e s’intrecciano proposte, collaborazioni e adesioni su tutto il territorio nazionale. Con una forza che, in assenza di presenze istituzionali, si fa travolgente onda di innovazione. Non possiamo che ringraziare tutti gli intervenuti, a vario titolo, e augurare a questo sodalizio umano e artistico successo e prosperità.

23/09/2020 - Pubblicato da Puglia Filippo
Area administrator  -  ActiveNet. Copyright © 2009-2020 Kadath Informatica  - Tutti i diritti riservati