Taranto, presentato libro biografico su Nino Rota, frutto di ricerche di Tino Sorino

Quando un giovane e inquieto Nino Rota venne a vivere a Taranto. Un viaggio in punta di piedi nell’intimità di Nino Rota, un “gigante” della Musica del Novecento. Un viaggio che si snoda attraverso le 435 pagine di un corposo volume per la Nep Edizioni, dal titolo “Nell’intimità di Nino Rota. Curiosando tra le carte di Prudenzina Giannelli”, scritto dal giornalista rutiglianese Tino Sorino, tra gennaio 2021 e febbraio 2022, complice il lockdown. Un approfondimento, a completamento del precedente lavoro di ricerca “In Seicento o a spasso con Nino Rota. Ricordi e documenti dagli archivi dei suoi amici”, redatto tra il 2017 e dicembre 2020, che ha come protagonista ancora una volta l’illustre musicista. Un volume, il secondo dell’opera, per dar voce alla nuova ricca documentazione offerta da Vilia Muto, la nipote  di  Prudenzina Giannelli, l’amica speciale del Maestro. Al centro dell’attenzione non solo le vicende umane del grande Compositore ma anche quelle di Prudenzina,la farmacista barese legata al Maestro da una quarantennale amicizia, insieme alle tante altre storie di amici comuni che si incontravano a casa Giannelli a Torre a Mare. Viene fuori un Nino Rota che pur con la sua grande spiritualità va sempre di corsa ed è “… in ritardo con tutto” eppure riesce, comunque, a trovare piccoli spazi per sé e per la sua cerchia di amici, per poter esprimere in preghiere e canzoni ancora inedite sentimenti nascosti nel profondo.

La presentazione del libro si è svolta alle ore 11.00 di martedi 24 maggio, presso il foyer del Teatro Fusco di Taranto, evento inserito nel cartellone di eventi del 'Giovanni Paisiello Spring Festival' organizzato dagli Amici della Musica 'Arcangelo Speranza', centenaria associazione impegnata nel campo della diffusione della cultura musicale e alla quale Rota fu molto vicino durante il suo periodo vissuto in riva ai Due Mari e mantenendo rapporti di amicizia anche dopo la sua partenza.

La città di Taranto è stata tanto cara a Nino Rota, che vi approdò nel lontano 1937, avendo vinto la cattedra di armonia e solfeggio al liceo musicale “Paisiello”. Nel capoluogo jonico”, come si legge nel paragrafo “Gli amici di Taranto” del terzo capitolo del libro, “trovò la soluzione ai suoi problemi di giovane inquieto. Innanzitutto, creò una certa distanza dalla madre, troppo pressante ma tanto amata, che a 12 anni gli aveva aperto il mondo della musica… A Taranto, inoltre, trovò un ambiente sano rispetto alle nebbie milanesi, quando in quella città, non ancora industrializzata, si poteva respirare a pieni polmoni…E, qui, incontrò anche i suoi primi amici pugliesi: gli Speranza di via Crispi che furono a Taranto quello che in via Colombo, a Torre a Mare, sarebbero stati prima i Borracci e, poi, i Giannelli …Il clima della Puglia gli si confaceva molto, aveva visto subito migliorare le sue condizioni di salute, lui che … in una intervista racconta come la madre lo definisse un “tossicoloso” che a Milano, da ragazzo “aveva sempre freddo e una tosse sottile che ancora mi dura”.  

A Taranto trovò anche l’humus ideale per la sua creatività, avendovi iniziato a scrivere la Sinfonia n.2 in fa “Tarantina”. Sono interventui con l’autore Tino Sorino, corrispondente de “La Gazzetta del Mezzogiorno” e autore di varie pubblicazioni di storia e tradizioni locali, Daniela Gerundo, socia dell’Associazione Amici della Musica “Arcangelo Speranza” e Gabriele Maggi, Direttore del Conservatorio “Giovanni Paisiello' di Taranto. Nel corso dell’incontro sono state proiettate alcune tra le immagini più rappresentative del libro ed un breve video sul libro a cura dello sceneggiatore Gianfranco Angelucci, legato per anni da affettuosa amicizia a Federico Fellini ed anche al Maestro Rota. Ha letto dei passi del libro Claudio Taranto, consulente informatico curatore per gli Amici della Musica di diversi progetti.

Nella foto in basso, Nino Rota, secondo a sinistra, durante il concorso pianistico del 1962 organizzato dagli Amici della Musica di Taranto (photo courtesy Amici della Musica di Taranto 'Arcangelo Speranza')

 

 

25/05/2022 - Pubblicato da Telepatti.it
Area administrator  -  ActiveNet. Copyright © 2009-2022 Kadath Informatica  - Tutti i diritti riservati