Patti, ispezione della Soprintendenza ad antico dipinto del Conservatorio S. Rosa

Un funzionario della Soprintendenza Beni Culturali e Ambientali di Messina ha oggi effettuato un sopralluogo per verificare l’attuale stato di conservazione di un dipinto su tela raffigurante la Madonna col Bambino tra le Sante Rosa da Lima e Caterina da Siena, di proprietà del Conservatorio Santa Rosa di Patti. L'intervento era stato richiesto dal presidio dei Nebrodi di Italia Nostra.

Si tratta di un dipinto di notevoli dimensioni e di grande interesse storico-artistico, di autore ignoto,  risalente, probabilmente alla fine del XVII secolo, arricchito da una fastosa cornice lignea barocca, custodito da anni presso i locali del Conservatorio e  che necessita di essere al più presto restaurato per le precarie condizioni in cui versa.

Il Conservatorio Santa Rosa, che essendo proprietario del dipinto ha l’obbligo della conservazione del bene, negli anni passati aveva già inoltrato richiesta di restauro del dipinto alla Soprintendenza, ma purtroppo senza esito positivo.

Dopo il sopralluogo di oggi la Soprintendenza farà una apposita perizia, sulla base dell’attuale stato di conservazione del dipinto e riproporrà la richiesta di restauro  nei programmi regionali di spesa per il restauro relativi all’esercizio finanziario dell’anno in corso.

Volta alla tutela e valorizzazione del patrimonio storico artistico, merito di Italia Nostra l'aver riportato alla luce una pagina importante della storia artistica e religiosa locale del passato: il quadro, infatti, ha origini antiche. Da ricerche di archivio svolte,  risulta che nel 1673 il Conservatorio delle orfane venne trasferito dal quartiere Pollini al quartiere San Bartolomeo in una Chiesa, dedicata a Santa Rosa da Lima che aveva un solo altare dove era posto il quadro di Santa Rosa. Nel 1801 la Chiesa fu abbandonata e il Conservatorio fu trasferito nel nuovo fabbricato dove si trova attualmente, a fianco della Villa Comunale  e il quadro di Santa Rosa venne collocato all’interno della adiacente Chiesetta dedicata a Santa Febronia. Da qui, a seguito dei lavori di ristrutturazione del complesso Santa Rosa e della Chiesetta, il dipinto è stato trasferito nei locali dell’attuale Conservatorio, dove si trova attualmente.

Italia Nostra Presidio Nebrodi continuerà, nei prossimi mesi, a monitorare e sollecitare il restauro di un’opera così preziosa per il  patrimonio culturale del territorio comunale nella speranza che il dipinto  possa essere al più presto recuperato e  restituito alla fruizione della cittadinanza.

Nella foto, particolare del dipinto.

 

 

15/03/2022 - Pubblicato da Telepatti.it
Area administrator  -  ActiveNet. Copyright © 2009-2022 Kadath Informatica  - Tutti i diritti riservati