Calcio, l'Argentina affidata ad 'interim' a Scaloni. Maradona irritato, voleva esserci lui.

Giro di tango per la panchina della nazionale di calcio argentina. Dopo la partecipazione deludente ai mondiali di Russia, dove a tenere alti gli stendardi bianco-celesti sono state soprattutto le sue belle tifose, immortalate immancabilmente dalla tv russa, in un clima infuocato, la dirigenza della federcalcio ha dato il benservito al commissario tecnico Jeorge Sanpaoli, contro il quale avevano remato contro i big della squadra, raggiungendo un accordo per la sua liquidazione, e nella impossibilità di trovare una scelta condivisa tra i maggiorenti della federazione, si è deciso di affidare 'ad interim' la guida tecnica all'allenatore in seconda, già collaboratore di Sanpaoli: Lionel Scaloni. Tra i nomi che si sono espressi per la panchina Marcelo Gallardo, attuale tecnico del River Plate, e Jorge Almirón, tecnico dell’Atlético Nacional. Più defilati i big come Diego Simeone: El Cholo era il primo nome sulla lista, ma la sua voglia di continuare ad allenare l’Atletico Madrid l’ha fatta da padrona e il tecnico non si libererà prima del 2022.

Lionel Scaloni, di origini marchigiane, è una vecchia conoscenza per il calcio italiano; difensore roccioso, soprannominato 'El toro',  ha indossato le maglie della Lazio e dell'Atalanta tra il 2007 e il 2015, dove ha concluso la sua carriera da calciatore ed avviato quella di tecnico, diventando presto collaboratore di fiducia di Sanpaoli, da Siviglia fino al giro delle nazionali. Adesso ha la sua grande chance e cercherà di essere confermato per la Coppa America del 2019 che si giocherà in Brasile.

Con lui tornerà Higuain titolare? E Lionel Messi tornerà suoi suoi passi e resterà in nazionale dopo aver annunciato l'addio? Saranno lanciati i giovani talenti del River Plate?

Suoi collaboratori saranno Pablo Aimar e Martin Tocalli, commissari tecnici delle 'under'. Saranno costoro a prendere in mano una Argentina uscita sgangherata dai mondiali, con il campione Lionel Messi che ha dichiarato di non voler più essere convocato. Alle porte ci sono già due partite, amichevoli, che si giocheranno negli USA già in settembre: il 7 a Los Angeles contro il Guatemala e l'11 in New Jersey contro la Colombia.

'Ci prendiamo questi mesi di tempo per fare la scelta più giusta - ha spiegato il presidente dell'AFA Claudio Tapia, come riporta 'Marca' - Il che non vuol dire che in passato sia stata sbagliata la scelta di Sampaoli. Adesso occorre rifondare la Nazionale'. Mesi in cui l'AFA si riunirà con tutti gli ex tecnici della Seleccion e con le figure più rappresentative dell'attuale squadra nazionale per avere imput utili alla scelta.

In un sondaggio effettuato dalla stampa argentina per misurare la popolarità di possibili scelte, ha fatto scalpore l'aver ignorato il nome di Diego Maradona. Questa 'dimenticanza' ha fatto infuriare il 'Pibe de oro' che ha dichiarato di non capacitarsi di come nessun organo di stampa non lo abbia incluso nell’elenco dei possibili nuovi ct: 'Si fanno tanti nomi, ma non il mio: ho un contratto di tre anni con la Dinamo Brest (squadra bielorussa), ho dato la mia parola, ma tutti sanno che per l’Argentina darei la vita. Comunque non mi stupisco, questa è la stampa sportiva argentina!”.

In realtà, il presidente della federcalcio argentina, si era indirizzato più che verso Diego Maradona verso Pep Guardiola: 'Era una possibilità, ci abbiamo provato. Ma serviva avere un portafogli molto grande!'. Tapia vorrebbe avviare un ciclo almeno 10 anni col nuovo selezionatore. E' questo il motivo di tanta cautela.

Nelle foto: nazionale argentina sconfitta dalla Francia nelgi ottavi di finale ai Mondiali di Russia ed eliminata; Lionel Scaloni, nuovo commissario tecnico; Gonzalo Higuain, centravanti argentino escluso dai titolari da Sampaoli; Diego Maradona; tifose argentine in Russia.

 

09/08/2018 23:40:00 - Pubblicato da Taranto Claudio
Area administrator  -  ActiveNet. Copyright © 2009-2018 Kadath Informatica  - Tutti i diritti riservati