Omicron meno grave perché colpisce la gola e non i polmoni

La nuova variante del virus, secondo diversi studi pubblicati in Inghilterra e Belgio, è meno pericolosa della Delta perché non danneggia le vie aeree inferiori del tratto respiratorio. Ci vorrà ancora tempo per le conferme definitive. Ma la speranza c’è, ed è alimentata da diversi studi internazionali.

Gli studi devono ancora essere sottoposti a revisione paritaria. 'In sostanza, Omicron sembra essere più in grado di infettare il tratto respiratorio superiore, le cellule della gola. Quindi si moltiplicherebbe più facilmente in quelle cellule più che in quelle del polmone', ha affermato Deenan Pillay, professore di virologia presso l'University College di Londra.

Uno studio sui topi del Molecular Virology Research Group dell'Università di Liverpool mostra che Omicron causa 'malattie meno gravi': i topi contagiati perdono meno peso, hanno una carica virale inferiore e soffrono di polmoniti meno gravi. Alla stessa conclusione erano giunti ricercatori americani la scorsa settimana.

Il Neyts Lab dell'Università di Leuven in Belgio ha riscontrato risultati simili nei criceti siriani. E i ricercatori del Center for Virus Research dell'Università di Glasgow hanno trovato prove che Omicron ha cambiato il modo in cui il virus si insedia nel corpo.

A tali conclusioni erano già arrivate l'Università di Hong Kong a dicembre mese scorso e una ricerca guidata dal professor Ravi Gupta dell'Università di Cambridge, il cui team ha studiato campioni di sangue di pazienti vaccinati. Gli studi hanno scoperto che Omicron è in grado di eludere i vaccini, ma meno in grado di entrare nelle cellule polmonari.  

 

 

02/01/2022 - Pubblicato da Mannelli Max
Area administrator  -  ActiveNet. Copyright © 2009-2022 Kadath Informatica  - Tutti i diritti riservati