ASP Messina, la FP Cisl rivendica proroga degli incarichi ai precari e loro stabilizzazione

Con una nota diffusa alla stampa, sulla mancata stabilizzazione dei precari del comparto sanitario interviene il segretario della federazione messinese della CISL Funzione Pubblica Giovanna Bicchieri.

Lamenta dellamancata proroga da parte della ASP del personale precario, che alla scadenza naturale del periodo di trentasei mesi di attività lavorativa, avendo già maturato il diritto alla stabilizzazione prevista dalla riforma Madia e dalla Legge Milleproroghe, viene messo alla porta senza alcun riguardo e in palese violazione del comma 8 art 20 del Dlgs 75/2017, relativo alla proroga assistita alla stabilizzazione, nonché disattendendo le linee di indirizzo Assessoriali e Nazionali (in periodo di piena emergenza CoVid), con grave disparità di trattamento rispetto a tutti gli altri colleghi che li hanno preceduti non soltanto all’Asp di Messina, ma verosimilmente in tutte le Aziende della Regione Sicilia.

La segretaria della FP CISL dichiara intollerabile che l'amministrazione della ASP col suo comportamento determini un pregiudizio sociale in un momento come quello della pandemia così grave per l’intera collettività, e che peraltro non può consentirsi di disperdere il patrimonio dell’esperienza acquisita dai tanti valorosi professionisti, che hanno affrontato con grande competenza ed abnegazione l’infezione da coronavirus.

La conclusione non può che essere la diffida a provvedere alla “immediata ed urgente” proroga di tutti i rapporti di lavoro del personale precario della Azienda Sanitaria di Messina, oltre il termine di trentasei mesi e fino alla loro stabilizzazione; diversamente il sindacata sarà costretto  a  proclamare lo stato di agitazione del personale, ed a porre in essere tutte le azioni sindacali e giudiziarie presso le opportune e competenti sedi. 

 

 

 

 

14/05/2021 22:05:00 - Pubblicato da Telepatti.it
Area administrator  -  ActiveNet. Copyright © 2009-2021 Kadath Informatica  - Tutti i diritti riservati