Palermo, iniziativa per ricordare Pio La Torre e Rosario Di Salvo

'Pio La Torre e Rosario Di Salvo sono morti per il futuro di questa terra, per le giovani generazioni. Perché speravano in una Sicilia e in un'Italia migliore. Con le loro azioni e il loro impegno nel contrasto al sistema di potere politico-mafioso hanno affermato il diritto di avere diritti.

Il loro impegno non è stato solo eroico ma ha coniugato visione e progetto. Proseguire in questa visione è il miglior modo per ricordarli'.

'Pio La Torre ha dimostrato una grande capacità divisione rispetto al tema dei diritti, ponendo la pace come dirittosupremo degli uomini, delle donne e dei lavoratori. Ha intuitol'importanza di sottrarre il potere economico al sistema criminalepolitico-mafioso.Dobbiamo ringraziare Pio La Torre, non negare, dimenticare emortificare la sua missione. Al contrario dobbiamo completarla per nonabbassare la guardia contro il sistema di potere criminale mafioso'.

Lo ha dichiarato il sindaco Leoluca Orlando, durante l'iniziativa che si è tenuta questa mattina nei pressi del monumento, opera del maestro Mauro Giuntini, che ricorda il segretario regionale del Partito comunista Pio La Torre e il suo collaboratore Rosario Di Salvo, uccisi dalla mafia 39 anni fa.

Alla manifestazione hanno preso parte, oltre al vice sindaco Fabio Giambrone e all'assessora alla Scuola Giovanna Marano, anche i rappresentanti della Rete Scuole “Rosa noce” e delle Associazioni che hanno dato vita quattro anni fa alla sottoscrizione nazionale che ha permesso di realizzare la scultura nel giardino di via Nazario Sauro.

Foto di Stefano Patania.

01/05/2021 - Pubblicato da Telepatti.it
Area administrator  -  ActiveNet. Copyright © 2009-2021 Kadath Informatica  - Tutti i diritti riservati