Erice, continuava a spacciare anche dai domiciliari: i carabinieri lo arrestano per la seconda volta in meno di un mese

Ma chi è questo spacciatore di Erice, un tal A.F. di 35 anni, che già agli arresti domiciliari continua a rifornire di hashish i viziosi dello spinello? Dopo essere stato pizzicato dai Carabinieri della locale stazione a metà novembre (anche Telepatti ne aveva riferito), con l'ausilio del Nucleo cinofili di Torregrazia Palermo, i cui militari avevano portato con sè il cane Lego, questa volta è stato fregato dal cane Mike, un altro tipino dal fiuto infallibile.

Dai servizi di controllo del territorio ai carabinieri era sorto il sospetto che il balordo stava continuando la proria attività di spaccio di sostanze stupefacenti dalla propria abitazione anche dopo l’arresto, per tanto, hanno svolto una attenta perquisizione. Il buon fiuto del pastore tedesco Mike ha permesso di rinvenire circa 100 grammi di sostanza stupefacente del tipo hashish, abilmente nascosta tra alcuni generi alimentari nella cucina, un bilancino di precisione e la somma contante di euro 140,00, verosimilmente provento dell’attività illecita.

Quanto rinvenuto è stato immediatamente posto sotto sequestro mentre l’uomo, al termine delle formalità di rito, è stato dichiarato in arresto.

Nella giornata di ieri, la competente Autorità Giudiziaria di Trapani ha convalidato l’arresto operato  dai Carabinieri sottoponendo il 35enne agli arresti domiciliari.

 

 

04/12/2020 23:15:00 - Pubblicato da Telepatti.it
Area administrator  -  ActiveNet. Copyright © 2009-2021 Kadath Informatica  - Tutti i diritti riservati