Milazzo: teatro, wi-fi e biblioteca, il Comune batte tre colpi

Restauro Teatro Trefiletti. Il Consiglio Comunale ha votato la delibera per l’autorizzazione al sindaco a sottoscrivere la convezione con la Regione per ottenere il finanziamento già assegnato per il teatro Trifiletti. Poco più di 200 mila euro per consentire un restyling della struttura. Prima di ottenere le somme l’Amministrazione dovrà redigere il progetto finalizzato a rifare  l’impianto di climatizzazione per abbattere il consumo energetico e migliorare l’acustica del teatro. In programma anche la realizzazione di un piccolo impianto fotovoltaico.

WI-Fi pubblico. Sarà la Linkem di Roma a realizzare le apparecchiature necessarie e assicurare il servizio di wi-fi in aree urbane, così come previsto nel bando di finanziamento, ottenuto lo scorso luglio dal Comune di Milazzo per promuovere il libero accesso alla connettività Wi-Fi per i cittadini negli spazi pubblici. A Palazzo dell’Aquila sono stati assegnati 15 mila: come ha spiegato l’assessore Santi Romagnolo, 'Milazzo è riuscito ad ottenere queste somme per aver partecipato ad un bando europeo per l'acquisto di attrezzature per realizzare gli hotspot; grazie ad un clik-day del 3 giugno oggi istituiamo un servizio indispensabile  per una città turistica come la nostra che vuole diventare sempre più moderna e tecnologica. Abbiamo individuato aree urbane che consentivano una immediata collocazione degli hotspot, privilegiando spazi pubblici più frequentati ma contiamo in futuro di estendere il servizio anche ad altre aree pubbliche”.

I  punti individuati dall’attuale Amministrazione ove sarà possibile garantire il servizio sono stati il lungomare Garibaldi, via Medici, via Crispi, piazza Caio Duilio, piazza Nastasi, Parco Giochi via Ciantro, Piazza via Tenente Picciolo (San Pietro), scuola elementare Bastione, centro sociale accanto la chiesa San Marco.

La Biblioteca Comunale attiva servizio 'take-away'. Chiusa al pubblico per motivi anti-Covid la Biblioteca Comunale, da  17 novembre è stato attivato un nuovo servizio, che definiremmo 'da asporto': i libri, previo appuntamento telefonico, verranno consegnati sull'uscio della biblioteca, come, sempre all'ingresso, verranno restituiti. Gli utenti ovviamente si dovranno presentare indossando le mascherine facciali. Per gli over-70 e per chi abbia gravi patologie tali da non consentire di raggiungere la biblioteca, sarà possibile la consegna a domicilio da parte di incaricati comunali i quali torneranno per la consegna. Tutti i libri dati in prestito al momento della restituzione verranno sottoposti a “quarantena” come previsto dalla normativa vigente. “Ritengo che sia un modo per continuare a mantenere un servizio in favore dei nostri cittadini – ha detto l’assessore Francesco Alesci, promotore dell’iniziativa, anche perché in quest’anno caratterizzato dall’emergenza Covid, molte persone si sono avvicinate alla lettura per trascorrere il tempo libero. L’ultimo decreto del presidente Conte ci ha obbligati a chiudere nuovamente le biblioteche e così abbiamo pensato a questo servizio di prestito attraverso il take-away”.

 

18/11/2020 22:55:00 - Pubblicato da Telepatti.it
Area administrator  -  ActiveNet. Copyright © 2009-2020 Kadath Informatica  - Tutti i diritti riservati