Controlli CoVid-19 dei Carabinieri di Monreale e della Polizia Locale a Palermo

Forze di pubblica sicurezza all'erta per verificare il rispetto delle norme a tutela della salute pubblica e la recrudescenza dei reati predatori.

A Monreale, nota località della provincia di Palermo, i Carabinieri della locale compagnia, con il supporto di unità aerea del 9^ nucleo elicotteri di Palermo, nel trascorso fine settimana hanno dato esecuzione a un servizio straordinario di controllo del territorio. Da questa attività sono stati deferiti in stato di libertà per il reato di cui all’ art. 650 C.P. numerosi cittadini controllati fuori dalle loro abitazioni per motivi ingiustificati o in assembramento tra loro, adducendo scusandosi con i soliti 'futili motivi' di chi viene colto in fallo.

Inoltre un'attività commerciale è stata segnalata all’autorità competente, in quanto non rispettava l’obbligo di chiusura, invece in altre attività, lecitamente aperte, è stata riscontrata la mancanza della distanza di sicurezza tra i clienti.

La Polizia Locale di Palermo, invece, rende noto di aver denunciato per due volte nello stesso giorno un posteggiatore abusivo per l’inottemperanza ai DPCM – Coronavirus. L’uomo, un 59enne, esercitava di mattina l’attività di posteggiatore in Largo Crisafulli/Marcellini. Gli agenti del nucleo vigilanza trasporto pubblico lo hanno individuato e segnalato all’autorità giudiziaria perché non osservava le misure di prevenzione al contagio del COVID-19. Si tratta di un soggetto che vive di espedienti, e non fa certo scalpore più di tanto il fatto che si sia scoperto che sia anche percettore di reddito di cittadinanza, per cui è scattata anche la segnalazione all'Inps per farne cessare l'erogazione. Ma i guai per il 59enne non sono finiti perchè l'idea di presentarsi nel primo pomeriggio nella sede del Comando di via Dogali (magari per chiarire la sua posizione?) è stata ritenuta cosa 'senza una motivazione improrogabile e urgente tale da giustificare il suo spostamento', come nota il comunicato della Polizia Locale. E pertanto è stato nuovamente deferito all'autorità giudiziaria ai sensi dell’art. 650 c.p.

 

 

 

23/03/2020 - Pubblicato da Telepatti.it
Area administrator  -  ActiveNet. Copyright © 2009-2020 Kadath Informatica  - Tutti i diritti riservati