Coronavirus, si interrompe la kermesse di 'Parma Capitale Italiana della Cultura'

Tra i tanti effetti negativi dovuti all'imperversare del terribile virus, l'impossibilità di tenere manifestazioni culturali per evitare occasioni di contagio dovuto ad afflusso di pubblico. Per questa ragione, oltre che per la impossibilità di raggiungere per motivi non necessari la città, molti eventi in programma nel cartellone di 'Parma Capitale Italiana della Cultura 2020' sono stati cancellati fino al 4 aprile, ma non è difficile prevedere che si andrà ben oltre nel calendario, prima che si possa interrompere l'epidemia e tornare ad uno svolgimento 'normale' della vita sociale.

Queste circostanze sfavorevoli allo svolgimento della kermesse hanno spinto il comitato organizzatore a dover fermare la manifestazione, pur il  team continuando a lavorare in attesa, in queste ore, di sapere quando potrà ripartire.

In un videomessaggio su Facebook, l'assessore comunale alla Cultura, Michele Guerra, richiamandosi all'emergenza sanitaria per il coronavirus ha comunicato il messaggio di resa. Ma nell'evenienza del blocco totale, si prova a recuperare il terreno perduto. 'Saremo Parma 2021? Io so che saremo più forti di prima. Serve dare un segnale a tutte le persone che ci stanno mettendo così tanta energia.Niente andrà perduto', ha voluto comunicare.

Per l'anno 2021, però, sono in 43 le città candidate al ruolo di capitale culturale, per la Sicilia si sono presentate Catania, Modica (Rg), Palma di Montechiaro (Ag), Scicli (Rg), Trapani. Per la lista completa, consultare il sito del Touring Club

(Fonte: ANSA)

 

 

 

 

13/03/2020 - Pubblicato da Telepatti.it
Area administrator  -  ActiveNet. Copyright © 2009-2020 Kadath Informatica  - Tutti i diritti riservati