Milazzo, sarà esposto al castello scheletro capodoglio Siso

Nell’ambito delle attività del Museo della Fauna dell’Università di Messina, venerdì 9 agosto alle 21.30, verrà esposto al pubblico, all’interno del suggestivo “Bastione di Santa Maria” dell’antico Castello di Milazzo, lo scheletro del capodoglio Siso, giovane maschio di 10 metri che nell’estate del 2017 è rimasto impigliato con la pinna caudale in una rete illegale a largo delle Isole Eolie.

L’idea lanciata dal biologo Carmelo Isgrò, componente del CTS del Museo, si è potuta realizzare grazie ad una sinergia tra il Museo stesso nella persona del suo Direttore, prof. Filippo Spadola, e del conservatore della sezione zoologica – faune marine dott. Mauro Cavallaro ed il Comune di Milazzo, con la stipula di un protocollo di intesa finalizzato all’esposizione del reperto.

Lo scheletro  è stato  sospeso in aria con dei cavi, riposizionando la rete illegale che l’ha ucciso e la plastica che è stata trovata all’interno dello stomaco, con l’obiettivo di sensibilizzare l’utenza affinché la tragedia della morte di questo nobile animale, possa condurre ad un momento di riflessione e crescita per tutti.“Un ulteriore spazio che arricchisce il percorso di visita del Castello – ha detto il sindaco Giovanni Formica – offrendo un contributo importante alla sensibilizzazione sui temi ambientali, tanto caro alla Capitaneria di porto e alle associazioni ambientaliste. Attraverso iniziative come queste vogliamo consolidare un percorso “consapevole” di tutela dell’ambiente marino nonché di difesa e riqualificazione del territorio, perseguendo gli obiettivi condivisi del contrasto alla produzione e dispersione dei rifiuti in ambiente marino costiero”.

06/08/2019 - Pubblicato da Telepatti.it
Area administrator  -  ActiveNet. Copyright © 2009-2019 Kadath Informatica  - Tutti i diritti riservati