Germania, musica di Rota in pediatria. Successo per il duo cameristico Julia Ito-Utum Yang.

     Nel Centro tedesco per la Reumatologia Pediatrica e Adolescenziale di Garmisch-Partenkirchen, il più grande centro specialistico europeo per il trattamento di bambini e adolescenti affetti da malattie reumatiche e sindromi dolorose croniche, si è tenuto martedi 18 novembre un concerto di musica classica con il duo Utum Yang, flautista, e Julia Ito, pianista. Organizzazione a cura della Yehudi Menuhin Live Music Now di Monaco.


     E' stato un bel concerto a 'misura di bambino': Julia Ito ha pensato di sceneggiare una storia, intitolata 'Il miracolo' dove i due musicisti hanno anche recitato un testo scritto da loro stessi, intervallando recitazione e musiche. Questa formula è stata molto gradita dai piccoli spettatori dell'ospedale. C'era anche una scenografia realizzata dalla stessa pianista con dei disegni.

In programma anche musiche di Nino Rota: sono stati eseguiti i 'Cinque pezzi facili' che con la loro leggerezza e melodiosità hanno sicuramente affascinato e fatto volare altrove con la fantasia i presenti, e cioè i bambini ricoverati ed il personale dell'ospedale pediatrico.

Questo il programma musicale:
N. Rota (1911-1979) '5 Pezzi facili“ nn. 1 e 2
C. Debussy (1862-1918) da'Children´s Corner' il mov. 'Golliwog´s Cakewalk“
F. Borne (1840-1920) 'Carmen Fantasie'
C. Ph. E. Bach (1714-1788): 'Sonata in La min. per flauto' 1. e 3. mov.
J. Ibert (1890-1962) 'Concerto per flauto' 2. mov.
Rimsky-Korsakov (1844-1908) 'Il volo del calabrone'
N. Rota (1911-1979) '5 Pezzi facili“ n.3
H. Detilleux (1916-2013) 'Sonatina'
N. Rota  (1911-1979) '5 Pezzi facili“ nn. 4 e 5
W. A. Mozart (1756-1791) 'Concerto per flauto in Re mag. KV314', 3. mov.

     La scelta dei brani è stata pensata dai due musicisti per avvicinare i bambini alla musica classica appassionandoli all'ascolto, con brani di sicuro fascino e anche di notevole tecnica esecutiva. Come avrebbe potuto annoiare, per esempio, il celebre  'Volo del calabrone' di Korsakov o la 'Chioccia' di Rota?
L'interesse per la musica di Rota è scaturito nella pianista giapponese Julia Ito durante un suo viaggio in Italia dove, nella città di Taranto, nel tempo libero dall'impegno concertistico, ha avuto modo di ascoltare quelle musiche. Non poteva essere che nella Puglia tanto amata dal Maestro Rota questo incontro con la sua arte!
     Julia Ito ha voluto proporre con il suo partner flautista al pubblico della clinica pediatrica queste musiche, immaginando che potessero essere molto adatte per piacere ad un pubblico di questo tipo. Con meritato successo!

 

 Nelle foto: in alto il flautista sud-coreano Utum Jang e la pianista giapponese Julia Ito mostrano lo spartito di Rota; i disegni di Julia Ito per illustrare il concerto; Julia Ito nel concerto di Taranto del 14/02/2013. In basso: la cittadina di Garmisch-Partenkirchen dove ha suonato il 18/11/2014 e l'Ospedale Pediatrico di Reumatologia

21/11/2014 23:55:00 - Pubblicato da Taranto Claudio
Area administrator  -  ActiveNet. Copyright © 2009-2020 Kadath Informatica  - Tutti i diritti riservati